Svizzera: tassa punitiva sul volo anziché un’effettiva riduzione del CO2

Le emissioni di CO2 del cherosene potrebbero essere neutralizzate per pochi soldi.

Tra le disposizioni più irritanti della nuova legge svizzera sul CO2 ci sono senza dubbio le tasse sul CO2 per i viaggi aerei, che hanno il solo scopo di punire i passeggeri aerei per la loro mancanza di sensibilità climatica e per “l’infamia sui voli”. Il denaro raccolto viene in parte ridistribuito e in gran parte speso in studi inutili e innovazioni inefficienti. Solo una cosa non viene fatta: sostenere la riduzione diretta delle emissioni di CO2, per la quale gli importi dovrebbero essere effettivamente destinati.

L’importo dei prelievi – 30 franchi per i voli a corto raggio e 120 franchi per i voli a lungo raggio – è stato inventato dagli autori della legge, alla quale il Parlamento ha dato poi l’assoluzione politica, in modo del tutto arbitrario invece di basarsi su un calcolo serio e in riferimento ai costi reali. Queste basi di calcolo esistono. Tuttavia, sono state ignorate dai funzionari responsabili per ragioni incomprensibili.

Un calcolo serio sulla neutralizzazione del CO2 derivante dai voli si basa da un lato sulla quantità media di kerosene per passeggero/chilometro, e dall’altro sui costi reali che provoca il riciclaggio di CO2 o di carbonio dall’atmosfera. Questi ultimi, a loro volta, sono calcolati a partire dai costi proporzionali sostenuti nella produzione di biocarbone dalla biomassa per mezzo della biopirolisi. Questi ammontano a circa 15 centesimi per litro di kerosene, o 40 franchi per tonnellata di CO2 rilasciata dalla combustione del kerosene.

Secondo le nostre stime, un calcolo serio per un volo da Zurigo a Francoforte comporterebbe un supplemento di circa 4 franchi e non di 30 CHF. E questo supplemento potrebbe a sua volta essere calcolato e riscosso direttamente dalle compagnie aeree. Con l’acquisizione e l’addebito sui corrispondenti certificati di CO2, le compagnie aeree potrebbero successivamente recuperare da sole la differenza – senza un sacco di problemi amministrativi e senza un’istituzione statale che gestisca le tasse punitive sui voli. Questo significherebbe che anche nei viaggi aerei, i combustibili fossili potrebbero essere usati in modo neutrale per il clima per una quantità di denaro relativamente modesta, e che si potrebbe fare a meno delle spudorate vessazioni sui passeggeri aerei.

Maggiori informazioni sulla tecnologia del riciclaggio di CO2, la sua implementazione e il suo rapporto costi/benefici si possono trovare sulla pagina web http://www.koberec.org. Lì troverete anche maggiori informazioni sulla fondazione di una ONG (Organizzazione Non Governativa) strutturata in modo cooperativo dalla “Arbeitsgemeinschaft Innovationscontainer”, il cui compito sarà quello di promuovere la tecnologia della biopirolisi e la sua proliferazione, nonché di creare un vero e proprio sistema di certificazione basato sul riciclaggio del carbonio per la sua gestione e il suo rifinanziamento.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *